1887

OECD Multilingual Summaries

PISA 2015 Results (Volume V)

Collaborative Problem Solving

Summary in Italian

Cover
La pubblicazione è disponibile all’indirizzo:
10.1787/9789264285521-en

Risultati PISA 2015 (Volume V)

Soluzione collaborativa dei problemi

Sintesi in italiano

Oggi, il mondo del lavoro ha bisogno di persone che sappiano risolvere problemi in ambito collaborativo. Tuttavia, la collaborazione pone potenziali sfide ai membri del team. Il carico di lavoro potrebbe non essere suddiviso equamente o in modo efficiente e alcuni membri del team potrebbero eseguire compiti per i quali non sono idonei o che non apprezzano. Tra i membri del team potrebbero sorgere conflitti che ostacolano lo sviluppo di soluzioni creative. Di conseguenza, la capacità di collaborazione una competenza a sé stante.

Ci sono stati pochi tentativi per valutare come e quanto gli studenti collaborino tra di loro. Con la sua prima valutazione vertente sulla soluzione collaborativa dei problemi, fino ad oggi mai eseguita, PISA 2015 compensa la mancanza di dati internazionali comparabili in questo campo, consentendo ai Paesi e alle economie di comprendere come i loro studenti si collochino rispetto a quelli di altri sistemi d’istruzione. Non meno di 52 Paesi ed economie (32 Paesi dell’OCSE e 20 Paesi partner ed economie), hanno partecipato alla valutazione sulla capacità di risolvere un problema nell’ambito di un team.

Che cosa ci suggeriscono i dati?

I risultati degli studenti alle prove di problem‑solving collaborativo

  • Gli studenti di Singapore ottengono il punteggio più alto nelle prove di soluzione collaborativa dei problemi rispetto agli studenti di tutti gli altri Paesi ed economie che partecipano all’indagine PISA, seguiti in seconda posizione dagli studenti giapponesi
  • In media nei Paesi dell’OCSE, il 28% degli studenti è in grado di risolvere solo problemi collaborativi semplici, se non nessuno. All’opposto, meno di uno studente su sei in Estonia, Hong Kong (Cina), Giappone, Corea, Macao (Cina) e Singapore consegue risultati scarsi nelle prove di problem‑solving collaborativo.
  • Nei Paesi dell’OCSE, l’8% degli studenti si posiziona nella fascia più alta della scala dei risultati relativi alla soluzione collaborativa dei problemi. Ciò significa che essi hanno la capacità di essere consapevoli della dinamica di gruppo, di assicurare che i membri del team si comportino secondo i ruoli concordati e di risolvere le discordanze e i conflitti, individuando nello stesso tempo percorsi efficienti e monitorando i progressi che conducono alla soluzione del problema.
  • Il livello dei risultati conseguiti nella soluzione collaborativa dei problemi è positivamente correlato ai risultati ottenuti nelle discipline fondamentali dell’indagine PISA (scienza, lettura e matematica) ma la correlazione è più debole della relazione osservata tra le tre suddette discipline.
  • In Australia, Corea, Giappone, Nuova Zelanda e negli Stati Uniti, gli studenti conseguono risultati notevolmente migliori nelle prove di problem‑solving collaborativo di quanto si potrebbe prevedere in base ai loro punteggi in scienza, lettura e matematica.

La composizione demografica degli studenti e i risultati nelle prove di soluzione collaborativa dei problemi

  • Le ragazze ottengono risultati significativamente migliori rispetto ai ragazzi nelle prove di problem‑solving collaborativo nell’insieme dei Paesi ed economie partecipanti alla valutazione. In media, nei Paesi dell’OCSE, le ragazze ottengono 29 punti in più rispetto ai ragazzi. I divari più ampi –‑ che superano 40 punti – si osservano in Australia, Finlandia, Lettonia, Nuova Zelanda e Svezia; i divari più piccoli – inferiori a 10 punti, si osservano in Colombia, Costa Rica e Perù. Tali risultati sono in contrasto con quelli della valutazione PISA 2012 vertente sulla capacità individuale di risolvere un problema, in cui i ragazzi conseguono risultati migliori rispetto alle ragazze
  • I risultati conseguiti nelle prove di soluzione collaborativa dei problemi sono positivamente correlati al profilo socioeconomico degli studenti e delle scuole, sebbene la correlazione sia più debole rispetto a quella rilevata tra profilo socioeconomico e performance nelle tre principali discipline di PISA.
  • Tenendo conto dei risultati conseguiti in scienza, lettura e matematica, non si riscontrano differenze significative di performance tra studenti avvantaggiati e svantaggiati o tra studenti immigrati e non immigrati, Tuttavia, dopo aver preso in considerazione i risultati nelle tre discipline più importanti di PISA, le ragazze ottengono ancora un punteggio superiore di 25 punti rispetto ai ragazzi.

Atteggiamenti degli studenti nei confronti della collaborazione

  • Tenendo conto dei risultati ottenuti nelle tre principali discipline di PISA, del genere e del profilo socioeconomico degli studenti e delle scuole, in media nei Paesi dell’OCSE, gli studenti che utilizzano con i videogiochi al di fuori dall’ambiente scolastico conseguono un punteggio lievemente inferiore nelle prove di soluzione collaborativa dei problemi rispetto agli studenti che non li utilizzano. Tuttavia, gli studenti che accedono all’Internet, alle chat e alle reti sociali al di fuori dall’ambiente scolastico, ottengono un punteggio lievemente superiore rispetto agli altri studenti
  • Le ragazze in quasi tutti i Paesi ed economie tendono ad annettere più importanza alle relazioni rispetto ai ragazzi. Ciò significa che le ragazze dichiarano più spesso di ascoltare attentamente gli altri, di rallegrarsi del successo dei compagni di classe, di tenere conto degli interessi degli altri e di considerare diversi punti di vista
  • Nella maggior parte dei Paesi e delle economie, i ragazzi tendono ad apprezzare di più il lavoro in team rispetto alle ragazze. Ciò significa che i ragazzi riconoscono più spesso delle ragazze di preferire il lavoro in gruppo rispetto al lavoro individuale, di considerare che i gruppi prendano decisioni migliori rispetto alle singole persone, che il lavoro di gruppo migliora la propria efficienza e che sono contenti di collaborare con i loro coetanei
  • In quasi tutti i Paesi ed economie, gli studenti avvantaggiati tendono ad annettere maggiore importanza alle relazioni rispetto agli studenti svantaggiati, mentre nella maggior parte dei Paesi ed economie, gli studenti svantaggiati tendono ad apprezzare di più il lavoro in team rispetto agli studenti avvantaggiati.
  • Tenendo conto dei risultati nelle tre principali discipline di PISA, del genere e dello status socioeconomico, maggiore è l’importanza che gli studenti attribuiscono alle relazioni, migliori sono i risultati nelle prove di soluzione collaborativa dei problemi. Analogamente, si osserva che più gli studenti apprezzano il lavoro in gruppo, più conseguono risultati migliori nella soluzione collaborativa dei problemi.

Attività degli studenti, prassi scolastiche e collaborative

  • Gli atteggiamenti nei confronti della collaborazione sono generalmente più positivi quando gli studenti praticano attività fisiche in maggiore misura o partecipano a un maggior numero di lezioni settimanali di educazione fisica
  • Tenendo conto dei risultati ottenuti nelle tre principali discipline di PISA, del genere e del profilo socioeconomico degli studenti e delle scuole, in media nei Paesi dell’OCSE, gli studenti che utilizzano i videogiochi al di fuori dall’ambiente scolastico conseguono un punteggio lievemente inferiore nelle prove di soluzione collaborativa dei problemi rispetto agli studenti che non li utilizzano. Tuttavia, gli studenti che accedono all’Internet, alle chat e alle reti sociali al di fuori dall’ambiente scolastico, ottengono un punteggio lievemente superiore rispetto agli altri studenti.
  • Gli studenti che lavorano in famiglia o che si occupano di altri membri della famiglia apprezzano di più il lavoro in team e le relazioni rispetto agli altri studenti, alla stregua degli studenti che incontrano amici o parlano con gli amici al telefono al di fuori dall’ambiente scolastico.

Istituti scolastici collaborativi

  • In media nell’insieme dei Paesi dell’OCSE, gli studenti che hanno dichiarato di non sentirsi minacciati da altri studenti conseguono 18 punti in più nella soluzione collaborativa di problemi rispetto agli studenti che dichiarano di essere stati minacciati almeno in alcune occasioni nel corso dell’anno. Gli studenti ottengono altresì 11 punti in più per ogni aumento di 10 punti percentuali nel numero dei compagni di scuola che hanno dichiarato di non essere minacciati da altri studenti
  • Anche dopo aver tenuto conto dei loro risultati in scienza, lettura e matematica, gli studenti ottengono un punteggio più alto nelle prove di soluzione collaborativa dei problemi, quando essi o i loro compagni di scuola riportano che gli insegnanti trattano gli studenti equamente.

Quali sono le conseguenze dei risultati PISA per le politiche dell’istruzione

I sistemi d’istruzione potrebbero aiutare gli studenti a sviluppare le proprie capacità di collaborazione. L’educazione fisica, per esempio, offre molte opportunità naturali per includere le attività di collaborazione e sviluppare competenze sociali e atteggiamenti favorevoli allo spirito di collaborazione. I risultati della valutazione PISA indicano altresì che la contiguità con la diversità in classe è associata a migliori capacità di collaborazione.

Inoltre, questo rapporto mostra che l’azione volta ad incoraggiare relazioni positive nell’ambiente scolastico può avere un impatto benefico sulle competenze di problem‑solving collaborativo degli studenti e per i loro atteggiamenti nei confronti della collaborazione, specie quando tali relazioni li coinvolgono direttamente. Le scuole possono organizzare attività sociali per promuovere relazioni costruttive e un senso di appartenenza all’istituzione scolastica, offrire una formazione ai docenti sull’organizzazione della classe e adottare un approccio inclusivo per tutta la scuola al fine di evitare il fenomeno del bullismo e farvi fronte. Il ruolo dei genitori è determinante, poiché lo spirito di collaborazione nasce fra le mura domestiche.

© OECD

Questa sintesi non è una traduzione ufficiale dell’OCSE.

La riproduzione della presente sintesi è autorizzata sotto riserva della menzione del Copyright OCSE e del titolo della pubblicazione originale.

Le sintesi sono traduzioni di stralci di pubblicazioni dell’OCSE i cui titoli originali sono in francese o in inglese.

OECD

Il testo integrale in lingua inglese è disponibile online sul sito OECD iLibrary!

© OECD (2017), PISA 2015 Results (Volume V): Collaborative Problem Solving, OECD Publishing.
doi: 10.1787/9789264285521-en

This is a required field
Please enter a valid email address
Approval was a Success
Invalid data
An Error Occurred
Approval was partially successful, following selected items could not be processed due to error