1887

Rapporti dell'OCSE sulle performance ambientali: Italia 2013

image of Rapporti dell'OCSE sulle performance ambientali: Italia 2013

l programma degli esami ambientali dell’OCSE ha l’obiettivo di valutare in maniera indipendente i progressi conseguiti dai singoli Paesi a fronte degli impegni ambientali assunti a livello nazionale e internazionale, e di formulare raccomandazioni rilevanti per il miglioramento delle politiche ambientali. Gli esami mirano a incoraggiare il processo di apprendimento tra pari, a promuovere una maggiore accountability dei governi di fronte agli altri Paesi e all’opinione pubblica, nonché ad aiutare i Paesi a migliorare individualmente e collettivamente i risultati ottenuti nella gestione dell'ambiente. Gli esami si basano su un ampio spettro di dati economici e ambientali. Ogni ciclo del programma di esami ambientali copre tutti i Paesi membri dell’OCSE e alcuni Paesi partner. Di recente sono stati pubblicati i rapporti su Messico (2013), Germania (2012) e Slovenia (2012).

Questo rapporto, il terzo che l’OCSE dedica all’esame delle performance ambientali dell’Italia, valuta i progressi compiuti verso il raggiungimento degli obiettivi in materia di sviluppo sostenibile e crescita verde. Un’attenzione particolare è dedicata alle politiche intese a promuovere una gestione delle risorse idriche più efficace ed efficiente e a dare maggiore impulso alla lotta al cambiamento climatico.

Italian English, French

.

Nota di sintesi

L’economia italiana, la sesta dei Paesi OCSE, è fortemente dipendente dalle importazioni di energia e di materie prime, ma è anche un’economia diversificata, caratterizzata da regioni settentrionali più ricche, con un’economia più avanzata, e da regioni meridionali meno sviluppate e più povere. Le disparità regionali si sono acuite in seguito ad un massiccio decentramento di poteri legislativi e amministrativi. La crescita media annua dell’Italia tra il 2000 e il 2007 è stata la più bassa tra i Paesi OCSE e, dopo il 2008, l’economia è stata fortemente colpita dalla crisi economica mondiale. La necessità di promuovere la crescita, consolidando allo stesso tempo il bilancio dello Stato, ha rappresentato il principale motore della politica economica.

Italian English, French

This is a required field
Please enter a valid email address
Approval was a Success
Invalid data
An Error Occurred
Approval was partially successful, following selected items could not be processed due to error